Jack goes boating

Jack Goes BoatingJack (Philip Seymour Hoffman) è un autista di limousine piuttosto impacciato e quando Lucy (Daphne Rubin-Vega) organizza, insieme al marito Clyde (John Ortiz), una cena da loro per presentargli la nuova collega Connie (Amy Ryan), abilissima fin da subito a manifestare l’inappropriatezza della sua vita interiore, tra i due sembra scattare subito qualcosa. Così, quando Connie si fa avanti chiedendo più o meno inadeguatamente a Jack di cucinare per lei, in attesa del giro in barca per cui ha già dato approvazione non appena sarà finito l’inverno, a Jack non resta che imparare sia a superare la paura dell’acqua che a gestire i fornelli.

E mentre Jack non vorrà far altro che migliorarsi quasi autisticamente giorno dopo giorno per poter coronare al meglio il suo primo ed etereo sogno d’amore, parallelamente il resto del mondo tutto intorno calerà sempre più la maschera, mostrando il suo lato più corrotto, meschino ed infantile, rivelando a suon di nevrosi e tradimenti la vera natura di rapporti ritenuti fino ad allora “normali”.

Un film estremamente pacato, in cui a fare la voce grossa è la semplicità sia narrativa che contenutistica: sempre sul filo della banalità, certo, ma esaltata per scelta, come a decantarne l’innocenza se contrapposta ad un mondo forse più sveglio ma anche artificioso e ben più squallido. Una volta capita l’antifona, squadrare qualunque personaggio – centrale o meno – alla ricerca di quel qualcosa di non palese annidato in qualche anfratto dell’anima verrà quasi naturale.

Interessante in ultima nota anche il ruolo giocato delle droghe, uniche capaci di minare un equilibrio in cerca di assestamento: forse una sorta di presagio per il destino del protagonista-regista di questo piccolo capolavoro, viste purtroppo le cronache di questi giorni.

ps: segnalo questo interessante articolo in ricordo di.

 

 

 

condividi questo articolo
Share on Google+Share on RedditShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn

About funkoolow

Il sottoscritto nasce nel '77, dall'altra parte del mondo. Dopo un utilissima laurea in filosofia con tesi sul diritto d'autore in epoca digitale, partorita grazie al supporto di un docente d'italianistica particolarmente illuminato, finisce a lavorare come grafico, programmatore e stampatore clandestino in una piccola azienda di paese, oltre a figurare come collaboratore di LUG locale e pseudo fondatore di una webradio già naufragata. Il suo vero obiettivo finale resta rompersi talmente tanto le palle di tutto il casino che gli si è creato intorno da essere costretto a tornare nei natii loci e ricominciare faticosamente tutto da capo - e fortunatamente sembra che in questo senso, i tempi stiano subendo una drammatica accelerazione.