virtualboxing

Da giorni ero in guerra aperta contro l’immondo Ipod Touch acquistato da un amica (evangelizzata al credo di Sant’IGNUcius troppo tardi) per riuscire a farlo sincronizzare sotto Ubuntu Linux 10.04.

Purtroppo, nonostante qua e là sulla rete la faccenda fosse riportata come praticamente automatica, l’amara verità venuta a galla è che probabilmente in virtù di qualche recente (in)utile aggiornamento del firmware del suddetto device, l’interfacciamento più o meno automatico con il pinguino è tornato ad essere un tabù.

Al che ho deciso di ricorrere al magnifico Virtualbox che, nella sua ultima release, prometteva di rendere attivabile anche il supporto USB così da poter provare ad attaccare quello schifo di player in un ambiente virtuale Winxp, ben più supportato di Linux dall’infame Apple, senza dover ricorrere alla pericolosa (ed illegale) tecnica del Jailbreaking.

Il risultato è stato eccellente: grazie alla guida all’installazione trovata sull’ottimo nonsololinux.it, sono riuscito a fare tutto in pochi minuti – a parte il tempo di installazione del pacchetto, forse per congestione dei repository di Oracle :)

Ancora una volta cmq il buon GNU/Linux mi ha dimostrato di avere sempre a disposizione una soluzione per ogni problema e senza dover sborsare un euro, purchè si sia disposti a rinunciare alle semplicistiche promesse da un solo click dei sistemi più commercializzati!

condividi questo articolo
Share on Google+
Google+
Share on Reddit
Reddit
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

About funkoolow

Il sottoscritto nasce nel '77, dall'altra parte del mondo. Dopo un utilissima laurea in filosofia con tesi sul diritto d'autore in epoca digitale, partorita grazie al supporto di un docente d'italianistica particolarmente illuminato, finisce a lavorare come grafico, programmatore e stampatore clandestino in una piccola azienda di paese, oltre a figurare come collaboratore di LUG locale e pseudo fondatore di una webradio già naufragata. Il suo vero obiettivo finale resta rompersi talmente tanto le palle di tutto il casino che gli si è creato intorno da essere costretto a tornare nei natii loci e ricominciare faticosamente tutto da capo - e fortunatamente sembra che in questo senso, i tempi stiano subendo una drammatica accelerazione.