Hereafter

La cosa che mi piace di Clint è che prova – e spesso riesce – ad essere una mente indipendente, abile a trattare argomenti non esattamente comuni – o almeno non nella maniera scontata di chi potrebbe cavalcare l’onda del suo passato, vista la venerabile età e quantità di riconoscimenti già raggiunta.

In questo Hereafter prova ad inoltrarsi nel mistico momento del trapasso, cercando di rappresentarlo attraverso le esperienze vissute da alcuni dei protagonisti della pellicola: ecco quindi una francesona scampata allo tsunami, un bambino che ricerca la sua metà gemella e un sensitivo capace di gettare ponti esperienziali con l’aldilà.

Non dico che sia un cattivo film: alcune scene sono molto ben fatte ed evocative, ma nel complesso il prodotto soffre occasionalmente di attacchi di sindrome da film per famiglia ed eccessiva prolissità.

Un buon film, ma non certo ai livelli del capolavoro di cui tutti parlano. Come al solito.

Voto: 7—

condividi questo articolo
Share on Google+
Google+
Share on Reddit
Reddit
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

About funkoolow

Il sottoscritto nasce nel '77, dall'altra parte del mondo. Dopo un utilissima laurea in filosofia con tesi sul diritto d'autore in epoca digitale, partorita grazie al supporto di un docente d'italianistica particolarmente illuminato, finisce a lavorare come grafico, programmatore e stampatore clandestino in una piccola azienda di paese, oltre a figurare come collaboratore di LUG locale e pseudo fondatore di una webradio già naufragata. Il suo vero obiettivo finale resta rompersi talmente tanto le palle di tutto il casino che gli si è creato intorno da essere costretto a tornare nei natii loci e ricominciare faticosamente tutto da capo - e fortunatamente sembra che in questo senso, i tempi stiano subendo una drammatica accelerazione.