Ghost in the shell 2: Innocence


Quando le macchine imparano a sentire, chi decide cosa è umano?

Vedere questo film prima del precedente è un crimine contro l’umanità. A parte questo dettaglio, il lavoro è maestosamente visionario, inquietante e in un certo qualmodo premonitore. Da rivedere direi almeno un altro paio di volte.

Goin’ out of the shell?

Update 12/03/14 – uscito un ora fa dalla maratona GIT, devo dire che, forse anche complice il PESSIMO LAVORO di remastering fatto sul primo, ho nettamente rivalutato questa seconda pellicola. Mentre nell episodio 1 si gioca molto sull’evoluzione un pò giallistica della vicenda, qui si lascia più il posto a domande notoriamente senza risposta: cosa ci distingue dall’inanimato? chi siamo noi per decidere cosa vive e cosa no? possiamo essere sicuri di essere vivi?, impacchettando tutto in una narrazione a tratti marcatamente lisergica. Anche la caratterizzazione dei personaggi mi ha dato l’idea di essere tutto sommato più riuscita: l’accento posto non solo sulla superumanità dei protagonisti cibernetici ma anche sulle loro vulnerabilità e debolezze contribuisce a rendere più solida e interessante la riflessione sul senso della giustizia che serpeggia quasi fin dai titoli di testa. Raffinato, profondo, impressionante e fortunatamente sfuggito alla rimasterizzazione da baraccone. Ottimo e abbondante.

condividi questo articolo
Share on Google+
Google+
Share on Reddit
Reddit
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

About funkoolow

Il sottoscritto nasce nel '77, dall'altra parte del mondo. Dopo un utilissima laurea in filosofia con tesi sul diritto d'autore in epoca digitale, partorita grazie al supporto di un docente d'italianistica particolarmente illuminato, finisce a lavorare come grafico, programmatore e stampatore clandestino in una piccola azienda di paese, oltre a figurare come collaboratore di LUG locale e pseudo fondatore di una webradio già naufragata. Il suo vero obiettivo finale resta rompersi talmente tanto le palle di tutto il casino che gli si è creato intorno da essere costretto a tornare nei natii loci e ricominciare faticosamente tutto da capo - e fortunatamente sembra che in questo senso, i tempi stiano subendo una drammatica accelerazione.